Notizie

12/04/2016

Export 2015: mentre altri settori accelerano, la moda Made in Parma ancora arranca

NUMERI DELLA MODA


L'anno 2015 si chiude, leggendo i dati statistici riferiti alla provincia di Parma, con un incremento dell'export quasi a doppia cifra (+9,6%). In particolare, il quarto trimestre 2015 ha registrato un balzo in crescita del 14,6% sullo stesso trimestre 2014, contro una media regionale del 6,1% e nazionale del 2,6%. 

I settori trainanti dell'economia parmense sono l'alimentare (che registra, nel 2015, un incremento dell'export pari a +8% rispetto al 2014), la chimica farmaceutica (+35%) e la meccanica (+5%), soprattutto impiantistica alimentare.

I gruppi merceologici della moda - ovvero il tessile, l'abbigliamento, la pelletteria e gli accessori -, pur attestandosi ad un significativo sesto posto nella graduatoria dei settori dell'economia parmense in termini di valore delle esportazioni (Euro 238.000.000, pari al 3,8% del totale provinciale), risentono ancora della crisi economica e perdono il 6% di export rispetto al 2014. Il calo più rilevante è sofferto dalla pelletteria (-13,4%) seguita dall'abbigliamento (-3,3%), mentre i prodotti tessili crescono sfiorando il +10% (da Euro 10.241.000 del 2014 a Euro 11.233.000 del 2015).

Tornando al valore complessivo delle esportazioni provinciali,spicca il forte incremento dal 2014 al 2015 di quelle dirette al Nord America (+55% contro una media nazionale di +21%), in particolare agli USA (+63%), mentre quelle verso la Russia registrano un secco -10% per le note ragioni di politica internazionale. L'export verso l'Asia Orientale, nel contempo, cresce più della media nazionale (+4% contro +3%), come quello verso i Paesi dell'Unione Europea (+6%), che rappresentano nel complesso il più importante mercato di sbocco delle produzioni di Parma.

Fonti dei dati, delle immagini e delle interpretazioni:

  • Report "Export Parmense Gennaio-Dicembre 2015" a cura dell'Area Studi e Ricerche dell'Unione Parmense degli Industriali
  • Articolo "L'export accelera. Nel 2015 la crescita è in doppia cifra" pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 2 Aprile 2016